Messina, ad Acireale serve la vittoria per ridurre le distanze dai playoff

di MNP Redazione
articolo letto 821 volte
Foto

La domenica di Carnevale costringe il Messina a una sosta forzata, motivata dalle necessità di ordine pubblico in concomitanza delle manifestazioni tradizionalmente preponderanti in questo periodo ad Acireale. I risultati di giornata consegnano la possibilità ai biancoscudati di avvicinarsi in modo significativo al quinto posto occupato dall’Ercolanese, per avere la reale possibilità di agganciare quella zona play off che innescherebbe prospettive concrete di ripescaggio in C, rimediando alla falsa partenza iniziale.

Mercoledì prossimo, probabilmente, il fattore psicologico giocherà un ruolo fondamentale per ottenere i tre punti e mister Modica dovrà concentrarsi soprattutto su questo aspetto nella preparazione della gara, evitando che i suoi ragazzi restino coinvolti in provocazioni esterne al “Tupparello”, dove ci sarà un ambiente molto simile a quello trovato due settimane fa al “Presti” di Gela. L’Acireale vive l’ennesima crisi societaria stagionale, dopo le dimissioni del presidente Drago e le faide interne ad una compagine dirigenziale nella quale hanno convissuto, in questi mesi, tre componenti distinte e separate, e, dopo il disimpegno del gruppo messinese composto dagli ex Acr Gugliotta, Micali e Stracuzzi, adesso è rimasto alla guida il sindaco della città Barbagallo, dando vita ad un atipico connubio tra sport e politica, con il socio del primo cittadino, D’Agostino, candidato alle ormai prossime elezioni politiche.

Aldilà delle diatribe in casa granata, restando esclusivamente al punto di vista sportivo della vicenda, il ruolino di marcia interno del prossimo avversario del Messina recita 6 vittorie, 4 pareggi e una sola sconfitta, subita dal Troina 15 giorni fa, e, quindi, non sarà semplice o scontato imporsi al “Tupparello”. L’obiettivo dei play off, però, con una vittoria in questo anomalo turno infrasettimanale, inizierebbe ad assumere i contorni della concretezza, anche perché coinciderebbe con il raggiungimento del sesto posto, superando ben 4 avversarie in un colpo solo ed il Messina diventerebbe davvero una seria candidata ad entrare tra le prime cinque, aprendo alla prospettiva di una parte finale di stagione stimolante. Resterebbero, infatti, 11 partite da giocare al massimo delle motivazioni, per affrontare, con l’autostima alle stelle, impegni difficili come quelli che il calendario prevede, ad esempio, in casa di Vibonese, Troina ed Igea Virtus, tre protagoniste assolute di questo girone.

La gestione di questa fase cruciale del campionato farà capire se il progetto tecnico capace di produrre 8 vittorie, 4 pareggi e una sconfitta negli ultimi 13 turni, condito dalla imbattibilità esterna, potrà evolversi in un gioco dominante e coronare l’ impresa clamorosa, coinvolgendo anche quella parte di città lontana dalla società del Presidente Sciotto e refrattaria alla presenza fisica vicino alla squadra.

La sosta domenicale ha partorito una iniziativa lodevole della dirigenza Acr, consentendo ai tifosi di assistere alla seduta di allenamento programmata dallo staff tecnico al “Celeste” nella mattinata di ieri. Sentire i cori della curva e vedere i volti di decine di innamorati della biancoscudata in tribuna coperta è stato un piccolo, ma importante, segnale molto apprezzato da questo gruppo di ragazzi che stanno dando uno spettacolo in campo superiore al livello della categoria e, partendo da questo concetto, potrebbero, a suon di risultati, preparare la strada per ricomporre, nel tempo, un ambiente consono alle tradizioni del calcio messinese. Per questo, vincere ad Acireale, può non essere determinante, ma è importante per potere iniziare a scrivere una di quelle favole che rendono ancora piacevole interessarsi di sport, anche nei cinici anni duemila.


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy